Stampa questo articolo
 
Città metropolitana, serve un “preambolo”
 
di Giorgio Merlo
 

Che la recente elezione dei membri del Consiglio della Città metropolitana non abbia destato alcun interesse nella pubblica opinione è cosa nota. Come è nota l’osservazione che il tutto si è risolto in una pratica interna e autoreferenziale tra i vari eletti dei Comuni della provincia. Semmai, l’unità novità – peraltro già ampiamente prevista alla vigilia – è stato il “misterioso” comportamento politico che ha portato a una sorta di suicidio assistito di Forza Italia e dell’intero centrodestra nel nuovo organismo. Però, come recita un vecchio adagio, “contenti loro, contenti tutti”!
Ora, si tratta di capire in che cosa si sostanzierà questo singolare e anacronistico Ente che ha soppiantato la Provincia: dalle risorse a disposizione alle competenze istituzionali, dal personale a servizio del futuro Ente alla incidenza concreta che avrà sul territorio.
Per il momento, salvo sempre possibili furbizie e invenzioni di escamotage dell’ultima ora, l’unico punto chiaro è l’assenza di emolumenti per i futuri componenti di questo strano Ente. Elemento sicuramente importante ma non sufficiente per dargli credibilità agli occhi dei cittadini e consistenza nei confronti delle altre istituzioni. Ed è perfettamente comprensibile che l’attenzione adesso si sposti prevalentemente sull’elaborazione dello Statuto della Città metropolitana che dovrà definirne compiutamente funzioni, ruoli e indirizzo.
Uno Statuto, però, che dovrà contenere anche un “preambolo” capace di fugare alla radice tutti i dubbi che hanno accompagnato il dibattito politico, amministrativo e territoriale in questi mesi e prima della elezione del consiglio. E cioè, garantire una piena integrazione tra la città di Torino, la cosiddetta “prima cintura” e – soprattutto – la “seconda cintura” della ex Provincia. Cioè, per entrare nello specifico, l’intero Canavese, il Pinerolese e la Val di Susa, il Chierese, il Chivassese, il Ciriacese e le Valli di Lanzo. Insomma, tutto ciò che fa da contorno alla prima cintura.
Perché, è inutile negarlo, resta questa la preoccupazione centrale che continua a serpeggiare nei territori “periferici” e che fa sponda a quelle sporadiche e un po’ qualunquistiche contestazioni sulla inutilità futura di questa ancora indefinita Città metropolitana.
Una integrazione politica e istituzionale che deve cancellare ogni residuo sospetto di rendere definitivamente periferiche e marginali queste aree rispetto alla metropoli e al suo hinterland.
Ecco perché la stesura dello Statuto non può essere solo uno stanco rito burocratico e protocollare. Proprio attorno allo Statuto si gioca il futuro e la credibilità di questo Ente e la reale partecipazione di quei territori allo sviluppo della intera provincia di Torino. Sono certo che questa consapevolezza politica, culturale e amministrativa è ben presente in chi dovrà stendere questo documento. Ma questo “preambolo” è, comunque sia, necessario e indispensabile.

Scrivi un Tuo contributo

Firma (pubblica):   Email(non visibile):

Antonio R. Labanca - 2014-11-13
I TRASPORTI sono l'ossatura vera di una Città Metropolitana. Mentre si scrivono bozze di statuto e si suggeriscono preamboli, bisognerebbe fermare le iniziative e gli interventi che vanno CONTRO una visione d'insieme su Torino e sulla sua prima e seconda cintura. Ad esempio, ragionando in questa prospettiva la ferrovia Cirié-Lanzo, che invece è prossima a venire mutilata al suo ingresso in città per finire in un tunnel che la farà approdare a Fossata, mentre potrebbe essere lasciata arrivare (come adesso) fino a Stazione Dora per proseguire come "metropolitana 2" verso il centro: a breve fino a piazza della Repubblica (c'è ancora il tracciato coi binari), in futuro fino a piazza Castello e a Porta Nuova... Con la stessa cecità si rinuncia ad altri usi del mezzo pubblico per eccellenza su scala locale, il treno, evidentemente immaginando una Torino ripiegata su se stessa piuttosto che propulsiva almeno verso l'intero territorio provinciale, pardon metropolitano, se non regionale.